Caldo afoso: le regole base per stare bene in casa

aria deumidificata

Le ondate di caldo, anche se a settimane alterne, si sono fatte sentire e subito abbiamo pensato di accendere i nostri climatizzatori per abbattere l’afa esterna e poter dormire sogni tranquilli all’interno della nostra casa. Ma mantenere una temperatura bassa in casa può essere così benefico per il nostro vivere quotidiano?

Luca Mercalli, metereologo e climatologo italiano, nonché giornalista scientifico, saggista e docente ha realizzato alcuni video della durata di pochi secondi dove fa presente le regole basilari per raffrescare in maniera corretta l’ambiente senza inquinare e pesare eccessivamente sulla spesa energetica. Video

Il prof. Mercalli sottolinea ed evidenzia l’importanza della deumidificazione, ritenendola la regola principale da mettere in pratica per vivere al meglio in casa, evitando di sprecare eccessiva energia.

Nel video spiega come una temperatura eccessivamente bassa, con uno sbalzo termico notevole da fuori a dentro, oltre a mettere sotto stress la macchina perchè deve lavorare maggiormente per raggiungere e mantenere la temperatura richiesta, non reca comfort e benefici per coloro che vivono l’ambiente. Mercalli fa notare che ciò che da fastidio quando fa molto caldo è l’umidità e con l’esempio della temperatura nel deserto ci fa capire che qualsiasi persona regge il caldo quando il tasso di umidità è basso, l’aria è asciutta e il caldo è secco.

Dai video del famoso climatologo italiano possiamo così individuare le tre regole base per stare bene in casa propria:

  • non tenere una temperatura eccessivamente bassa;
  • deumidificare l’ambiente;
  • mantenere una temperatura interna entro i 6° della temperatura esterna.