Muffe: fonte inesauribile di allergie per chi soffre di asma

muffa e asma

I soggetti affetti da asma, una malattia infiammatoria caratterizzata dalla ostruzione delle vie aeree inferiori, devono sempre prestare attenzione all’ambiente circostante. L’ambiente domestico e lavorativo per esempio, per quanto pulito e disinfettato, può essere “attaccato” dalle muffe, altamente nocive alla salute.

Un recente studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Exeter ha scoperto che alcune famiglie di muffe possono contribuire e aggravare le condizioni dei soggetti affetti da asma. La muffa ha la possibilità di crescere e di riprodursi attraverso la diffusione delle spore, le cellule riproduttrici trasportate dal vento all’interno delle nostre abitazioni.

Gli scienziati hanno cercato d’identificare il collegamento tra problemi di respirazione e il “fattore muffa”. I risultati purtroppo, hanno evidenziato che gli ambienti particolarmente umidi e riscaldati predispongono a una maggiore crescita di muffe e l’insorgenza di patologie quali l’asma.

Ecco allora qualche piccolo consiglio per prevenire il formarsi delle muffe:

  • Cercare di non asciugare in casa la biancheria lavata
  • Favorire sempre la ventilazione e il ricambio di aria con un impianto di ricambio aria con recupero di calore
  • Asciugare immediatamente tutto il materiale umido
  • Deumidificare se necessario per mantenere una umidità relativa tra il 40-50%
  • Attenzione alla pulizia e alla manutenzione dei condizionatori che spesso vengono colonizzati da miceti

Contattaci per maggiori informazioni!