L’OMS ai governi: applicate le linee guida sulla qualità dell’aria!

8 milioni di morti all’anno nel mondo a causa dell’inquinamento atmosferico.

940 miliardi di euro di costi indiretti solo nell’UE.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto STOP.

inquinamento atmosferico

Durante la 68° Assemblea Mondiale della Sanità tenutasi a Ginevra dal 18 al 26 di Maggio, L’OMS esorta i governi ad applicare le linee guida sulla qualità dell’aria, sviluppare sistemi di monitoraggio della qualità dell’aria perchè l’impatto negativo dell’inquinamento sulla salute umana e sull’economia è altissimo.

Cosa vuol dire tutto ciò per l’Europa e per l’Italia?

Nell’Unione Europea il costo in vite umane di una scarsa qualità dell’aria è più elevato di quello degli incidenti stradali. L’inquinamento dell’aria causa inoltre la perdita dei giorni di lavoro e va a colpire soprattutto la fascia di popolazione più vulnerabile, quali anziani, bambini e asmatici. Il costo si aggira attorno al 9% del Pil dell’UE.

Per quanto la Commissione Europea identifichi l’inquinamento dell’aria come una delle preoccupazioni principali a livello politico, gli standard EU sulla qualità dell’aria riguardo al particolato fine (PM 2.5) sono significativamente più accomodanti di quanto raccomandato dall’OMS.

Quindi non a caso Génon K. Jensen, fondatrice ed Executive Director della Health and Environment Alliance, ha affermato che “La risoluzione sull’inquinamento dell’aria è una tappa fondamentale per la prevenzione delle patologie respiratorie e cardiache, nonché del cancro e degli ictus, legati a cause ambientali.”

É arrivato il momento di agire.