Indoor Air Quality: un mercato da 7 miliardi di dollari entro il 2024

indoor air quality

L’attenzione degli ultimi anni alla Indoor Air Quality (qualità dell’aria interna) ha fatto registrare alle tecnologie legate alla qualità dell’aria un vero e proprio boom. La conferma arriva dal nuovo rapporto di Navigat Research “Indoor Environmental and Air Quality” secondo cui il mercato globale legato alle tecnologie IEAQ passerà dai 4,2 mld di dollari del 2015 a quota 7,1 mld entro il 2024.

Se fino ad oggi il concetto di qualità dell’aria interna è stato legato al volume dell’aria esterna fatto circolare in una stanza, le attuali tecnologie migliorano le condizioni degli ambienti interni riducendo i volumi di ventilazione e i consumi energetici.

Nello specifico, di queste tecnologie fanno parte sensori di CO2, sistemi di ventilazione meccanica controllata (DCV), sistemi di ventilazione a recupero energetico (ERVs), unità a tutt’aria esterna (DOASs) e sistemi di radiazione ultravioletta germicida (UVGI).

Il futuro è alle porte. Dobbiamo essere preparati!

2 commenti su “Indoor Air Quality: un mercato da 7 miliardi di dollari entro il 2024”

  1. Siete menionati in inquinamento indoor facebook.

    Per chi non ne è al corrente il logo triangolo è utilizzabile gratuitamente (licence free for use) al fine di sostenere la causa etica. Il logo puo’ essere utilizzato al fine di supporto e divulgazione del tema inquinamento indoor anche per chi si occupa del settore: professionisti,enti,società,aziende,etc… Sostenete la causa aiutando a divulgare eticamente il tema inquinamento indoor. Grazie

  2. Pingback: Indoor Air Quality: un mercato da 7 miliardi di dollari entro il 2024 | ArieggiareArieggiare | STEFANO BOREAN

I commenti sono chiusi.